Relazione d'Impatto 2018

                                                                                                        

 

Terre Alte del Piceno Srl Società Benefit

 

 

Relazione d’impatto  2018

Giugno 2019

INDICE

 

  • L’Impresa

  • Profilo aziendale

  • Mission aziendale

  • Sezione I : obiettivi specifici e modalità perseguimento delle finalità di beneficio comune

  • Sezione II: valutazione dell’impatto generato

  • Sezione III descrizione obiettivi della società da perseguire nell’esercizio successivo

  • Conclusioni

 

L’impresa

 

Profilo e assetto aziendale.

a) “Terre alte del Piceno” è una s.r.l. - Società Benefit finalizzata alla produzione ed alla commercializzazione di prodotti alimentari anche di terzi.

 

Tra le attività previste vi sono anche quelle relative alla formazione professionale di figure complementari e strumentali al conseguimento dell’oggetto sociale.

I soci sono 10, con diverso background umano e professionale (addetti nel settore alimentare, lavoratori autonomi e dipendenti in diversi settori commerciali e dei servizi alla persona, disoccupati, professionisti con esperienze di direzione aziendale sia in ambito pubblico che privato, persone con solide esperienze di amministratori pubblici). Sono accomunati dalla passione per il territorio del Piceno e per i suoi prodotti (alcuni sono residenti ad Ascoli, altri sono originari della zona, altri ancora sono semplicemente attratti dalla bellezza dei luoghi e dalle loro tradizioni culturali e gastronomiche), dal rigore etico derivante, per alcuni, dall’impegno in diverse organizzazioni di volontariato unito alla voglia di contribuire concretamente alla “rinascita” di un’area che presenta enormi potenzialità.

b) Mission aziendale.

In quanto Società Benefit, ai sensi della Legge n. 308/2015, la mission aziendale si sostanzia nella ricerca della qualità totale intesa come orientamento, in tutte le fasi della produzione e della distribuzione, non solo al consumatore finale del prodotto, ma anche al  territorio concepito come  ecosistema, che coinvolge uomini e donne concrete, spesso depositari di saperi e conoscenze locali, flora e fauna circostanti. Tale orientamento, pertanto, si rivolge alle aree interessate alla produzione attraverso la ricerca di uno sviluppo sostenibile per le stesse.

Questa ricerca di qualità si potrà concretizzare, pertanto, sviluppando alcune linee di azione:

 

I) creazione di prodotti gastronomici realizzati a regola d’arte, nel rispetto della tradizione unita alle moderne conoscenze nel campo delle tecnologie alimentari, che consentano anche la possibilità di innovazione, attraverso l’utilizzo di materie prime di elevata qualità provenienti da filiere controllate, anche bio;

II) realizzazione di prodotti le cui fasi di lavorazione siano svolte nel massimo rispetto possibile dell’ambiente e nella tutela dei lavoratori sotto i profili della sicurezza, contrattuale, della formazione, della salubrità dei luoghi di lavoro, da realizzarsi anche attraverso il loro coinvolgimento pro-attivo nella gestione dei processi produttivi (sviluppo dei fattori motivazionali, obiettivo della certificazione etica);

III) sviluppo sostenibile del territorio attraverso la costruzione di reti e partnership progettuali delle quali facciano parte allevatori/produttori di materie prime e derivate, disponibili a cooperare per costruire modelli organizzativi condivisi, sia nella fase di produzione che in quella di distribuzione, più performanti ed eco sostenibili . Questa linea di azione può essere realizzata anche attraverso finanziamenti europei e con il coinvolgimento attivo di professionisti specializzati e degli stakeholders locali e regionali.

 

Sezione I

Obiettivi specifici e modalità di perseguimento delle finalità di beneficio comune

 

Nel corso dell’esercizio 2018  è stata avviata l’attività produttiva con particolare attenzione al raggiungimento di due obiettivi specifici,  integralmente conseguiti.

Obiettivi specifici

Gli obiettivi specifici  del 2018  sono stati:

la“formazione del personale“ interessato alla produzione ed alla commercializzazione del prodotto.

Il raggiungimento della conservazione prolungata in ATM del prodotto fresco.

 

Modalità di perseguimento

Formazione del personale

La formazione del personale  è stata conseguita attraverso due canali specifici.

Il primo è rappresentato dalla partecipazione degli addetti all’unità produttiva ai corsi esterni tenuti da consulenti della Meding Group azienda leader del settore ad Ascoli Piceno, in materie specifiche come H.A.C.C.P e sicurezza del lavoro.

Parallelamente  è stata avviata e portata a termine in tempi relativamente brevi, rispetto a quelli inizialmente preventivati, la formazione di un team di lavoro formato da 5 persone provenienti da realtà lavorative totalmente differenti, e dunque della costruzione di un ambiente lavorativo che, facendo fede ai principi della nostra tanto cara Società Benefit, si basi su fiducia, comunicazione e capacità tanto di apprendere quanto di trasmettere.

Il nostro ringraziamento va ai componenti del nostro team di lavoro:

- Marco, chef, responsabile della produzione e della formazione del personale.

Il capitano di questa squadra che ha ci insegnato moltissimo sul lavoro in una cucina professionale e che sicuramente rappresenta la punta di diamante dell’attuale e futuro processo produttivo.

La sua presenza, ci ha garantito il raggiungimento di un processo produttivo di alta qualità, e ci ha consentito una migliore valorizzazione e commercializzazione dei prodotti, grazie anche alla sua rete di contatti nel settore della ristorazione.

- Giacomo, addetto alla produzione, formatore e referente per gli aspetti organizzativi, logistici e della sicurezza alimentare. La sua presenza e la sua azione ha consentito tra l’altro di trasformare le nozioni tecniche specifiche, appartenenti al bagaglio professionale delle Chef, in istruzioni operative per tutti gli altri addetti all’attività consentendo un incremento della produttività dell’azienda.

- Sandra, addetta alla produzione,

- Cinzia, addetta alla produzione,

Un ringraziamento particolare va a Sandra e Cinzia che rappresentano, in effetti, il “motore” del nostro laboratorio: in questi mesi hanno raggiunto un buon livello di formazione.

Nonostante le difficoltà iniziali a confrontarsi con un professionista della ristorazione e con un responsabile della formazione entrambi minuziosi ed esigenti hanno dato dimostrazione di abnegazione, passione per il lavoro e disponibilità a dare il contributo all’azienda alla quale sentono di appartenere, non solo per motivi di carattere economico e lavorativo, ma come  soggetti attivi di una splendida realtà aziendale che hanno contribuito ad avviare, e che desiderano tutelare e veder crescere come bene comune.

- Andrea, addetto al confezionamento e “Jolly”.

Da ultimo ma non per importanza perché nell’ottica della nostra mission aziendale ogni persona rappresenta un “valore aggiunto”  va menzionato Andrea B. che  con le poche ore che può dedicare al laboratorio svolge, in realtà, un compito molto importante di Jolly per tutte le evenienze, e questo è un ruolo importante per una piccola azienda che quotidianamente si scontra con imprevisti più o meno importanti sia produttivi che logistici.

Altro aspetto importante per la creazione di una cultura di impresa che valorizzi i vari livelli dell’organizzazione è stato rappresentato dalle riunioni operative, anche in modalità video conferenza, che sono state realizzate per affrontare temi specifici della produzione e della distribuzione alla luce dei principi ispiratori della nostra mission aziendale. E’ su questo aspetto, in particolare, che si sono attivate tutte le risorse umane a disposizione della nostra azienda con riferimento particolare al back office, rappresentato dall’azione fondamentale di Chiara D’Angelo e di Andrea Russo che si sono confrontati con gli addetti alla produzione sui diversi aspetti della produzione e della distribuzione (potenzialità, vincoli tecnologici, normativi, culturali, ecc.) gettando le basi per la stesura del piano di marketing aziendale, concepito come uno strumento condiviso con chi conosce nel dettaglio i punti di forza/punti di debolezza del prodotto stesso, piuttosto che come un insieme di asettiche indicazioni calate dall’alto.

 

2.Raggiungimento della conservazione prolungata in ATM del prodotto fresco.

 

La conservazione prolungata del prodotto in ATM raggiunta in questi mesi è stata ottenuta non solo attraverso l’utilizzo di macchinari specifici ma a corollario del precedente punto 1) tramite un’attenta e rigorosa organizzazione del gruppo di lavoro che ha consentito di ottenere la pianificazione dell’attività produttiva in tutte le fasi del processo dalla produzione, al confezionamento ed allo stoccaggio, con una grande attenzione agli aspetti igienico sanitari e alla corretta applicazione delle tecniche e delle metodiche relative al mantenimento della cosiddetta “catena del freddo”.

Sezione II: valutazione dell’impatto generato

Come sopra anticipato, la  nostra società è attualmente attiva.

L’impatto generato dall’attività svolta in questi pochi mesi possiamo identificarlo oltre che  con il raggiungimento dell’efficienza produttiva e dell’ alta qualità del prodotto, anche con la creazione di un ambiente interno ed esterno di fiducia, rispetto e apprezzamento del nostro modus operandi.

In particolare vogliamo sottolineare la qualità dei rapporti intrattenuti con tutti i nostri fornitori sia di materie prime che di servizi, dovuti alla trasparenza dell’approccio commerciale (dalla trattativa alla fase finale della transazione commerciale) ed alla regolarità dei pagamenti alle scadenze pattuite.

Sezione III - descrizione obiettivi della società da perseguire nell’esercizio successivo.

Nel corso del 2019 la Società si propone di raggiungere i seguenti obiettivi  specifici:

Sebbene la nostra azienda abbia già una pagina Face book  e sia presente su altri social è nostra intenzione portare a compimento la costruzione  di un sito internet nell’ottica di una maggiore trasparenza e di comunicazione “esterna” della società.

L’iscrizione al Consorzio DOP “Oliva Tenera del Piceno”, costituito con Decreto Dirigenziale del MIPAAF n. 17421 del 12 marzo 2018, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 74 del 29 marzo 2018.

L’iscrizione di fatto rappresenta un riconoscimento ufficiale dei principi ispiratori che fin dall’inizio hanno caratterizzato la nostra “” che mira ad ottenere un prodotto di nicchia di alta qualità Attraverso i consorzi di tutela, infatti,si intende promuovere un’ economia collaborativa che è, prima di tutto, un comportamento collettivo che riporta il valore della collaborazione nella pratica della cooperazione. In questa accezione, i consorzi vanno considerati come dei veri e propri gruppi volontari e solidali di scopo, dove lo scopo è rappresentato .

 

Tale obiettivo potrà essere raggiunto grazie all’avvio, nei mesi scorsi, di un paziente lavoro di rete teso a costruire partnership umane e professionali che hanno portato la nostra azienda ad un coinvolgimento attivo, da parte del Consorzio stesso, nelle azioni volte a creare nuovi associati tra i produttori. La nostra azienda, a tale proposito, ha già incontrato gli organi di vertice del suddetto Consorzio ed ha partecipato alla riunione organizzata dallo stesso per la presentazione del nuovo Ente Certificatore: “3° - Parco Tecnologico dell’Umbria” (Società a capitale sociale interamente pubblico di cui oltre il 50% riferito alla Regione Umbria. E’ accreditato presso il MIPAAF secondo quanto disposto dalle vigenti normative).

 

Conclusioni

 

Il sottoscritto Dottor Carmelo D’Angelo, in qualità di amministratore unico della Società “Terre Alte del Piceno” srl - SB, si assume la responsabilità che quanto dichiarato nella presente “relazione di impatto” è  rispondente alla realtà dei fatti, precisa altresì che  la società  intende procedere in un prossimo futuro ad attivare tutte le procedure per l’ottenimento della Certificazione B Corporation.

Al momento tutte le azioni intraprese in tale ottica rappresentano solo una fase di sperimentazione volontaria.